Le 5 notizie geek tech più popolari

  • 1

    Coronavirus, da Facebook le mappe per il tracciamento

    L'iniziativa messa in campo da Facebook da alcune ore fa parte del più ampio progetto Data for Good con cui già da alcune settimane condivide questo tipo di dati con alcuni istituti e gruppi di ricerca selezionati.
  • 2

    Milano sceglie Satispay: buoni spesa con lo smartphone per l’emergenza COVID-19

    La variante Ultra della gamma di smartphone Galaxy S20 sarà presto disponibile in una nuova colorazione: lo afferma Ice Universe, leaker sempre molto ben informato sulle mosse dell'azienda coreana, che nei scorsi giorni ha gettato il primo sassolino con uno stringato post su Twitter, seguito recentemente da un secondo aggiornamento.
  • 3

    Videolezioni su Zoom, l’ombra degli hacker sui licei torinesi: “Rubate le nostre password”

    "Il problema è scoppiato questa mattina e dobbiamo discuterne e segnalarlo - aggiunge Francesca Aloatti, animatrice digitale del Bosso Monti - Non si deve creare panico senza fondamento e al momento non ci sono correlazioni tra l'uso di Zoom e i furti di password.
  • 4

    5G e COVID-19, YouTube contro i nuovi geni del complottismo antiscientifico

    Il complottismo si diffonde molto velocemente grazie alle reti social e ai video di YouTube, ma questa volta il portale di video sharing interverrà in maniera diretta: la succursale di Alphabet/Google ha confermato di voler eliminare in maniera proattiva i video che mettono in correlazione 5G e COVID-19, un’operazione che riafferma la politica della corporation contro la diffusione di “disinformazione pericolosa” per la salute.
  • 5

    Intel, altri $50 milioni contro il COVID-19

    I fondi aggiuntivi andranno a finanziare la risposta tecnologica all’epidemia di coronavirus, spiega Intel, servendo in particolare a promuovere le iniziative COVID-19 Response and Readiness e Online Learning con $40 milioni: la prima iniziativa sarà utile ad accelerare l’innovazione hi-tech nella diagnosi, la cura e lo sviluppo di vaccini tramite IA, sistemi HPC e cloud, la seconda supporterà organizzazioni no-profit e aziende partner nella fornitura di dispositivi per l’apprendimento online agli studenti che ne sono sprovvisti.